MARTA & FEDERICO

 

 

 

Capì che non solo ella gli era vicino,

ma che ora non sapeva più dove finiva lei e dove cominciava lui.

<Lev Tolstoj>

 

 

 

Ho vissuto il matrimonio di Marta e Federico con grande emozione, essendo la sposa una mia cara amica e compagna preziosa durante gli anni in Accademia a Brera. Stra-felicissima, dunque, di essere stata al suo fianco per tutta la giornata, vederla e sentirla così vicino e sentirmi io stessa così vicino a lei, nello spazio e nello spirito. Onarata di essere stata scelta anche io come "testimone", attraverso il mio mestiere, della sua unione con Federico. Mi ricordo la sera in cui l'ho conosciuto, durante una bella uscita fra amici in un locale di Milano. Ed eccoci qui, ora, giovani uomini e donne, colmi di desiderio e speranza per costruirci il nostro giusto posto nel mondo. Ed eccoli, ora, Marta e Federico, legati indissolubilmente per accompagnarsi e sorreggersi in questo viaggio avventuroso.

 

Mi è capitato ovviamente di essere invitata a matrimoni di amici e parenti, ma quando sono nei panni della fotografa è davvero tutta un'altra cosa: vivo tutti gli attimi "dietro alle quinte" ed entro in contatto profondo ed empatico con il modo irripetibile e unico che ognuno ha di vivere questo grande evento. Come fotografi, viviamo la giornata intensamente, dall'inizio alla fine, con le antenne sempre drizzate per cogliere gli attimi, lo stile e, senza voler peccare di presunzione, essendo il nostro un tentativo dato dalla percezione personale dell'altro, l'essenza di chi abbiamo davanti.

 

Del matrimonio di Marta e Federico ho amato il carattare complementare della loro coppia: lei scenografa creativa, lui ingegnere pragmatico. Noterete infatti, sulla meravigliosa partecipazione ideata e disegnata direttamente da Marta -che adoro!-, un pennello e una chiave inglese ai lati delle loro iniziali, simbolo dei due mondi da cui provengono. Ma a dispetto di ciò, sono accomunati da sensibilità che riconosco simili: insieme sono quel tipo di persone con cui, anche appena conosciuti, ti sembra di aver già trascorso una vita, semplici e dall'animo buono, ti fanno sentire a casa.

 

Il loro matrimonio è stato così come sono loro. Una chiesa che ci ha lasciati senza fiato per la sua sobria bellezza e per la forte dimensione spirituale in cui ti trasporta. Una grande famiglia unita e tanti fratelli: il fratello missionario di Federico, tornato dal Cile per sposarli, e i quattro esuberanti fratelli di Marta (...ci sarà un motivo se lei ama il calcio tanto da aver fatto parte di una squadra femminile!). Una festa rustic chic piacevole e rilassata, con un'atmosfera a metà fra un raffinato pic-nic inglese e un conviviale pranzo in campagna, in una cascina immersa nel verde, un luogo assolutamente meraviglioso, una location stupenda per gli scatti di coppia. E poi buon vino scelto con cura da Federico e un freschissimo e ricco buffet di genuini prodotti locali, quello che ci voleva per avere sollievo dal gran caldo. 

 

E poi il colore. Come poteva mancare nel giorno del matrimonio di un'artista? Che bello il verde acqua usato per dettagli e accessori! Le scarpe e i bottoni del vestito della sposa (una chicca imperdibile), il nastrino di raso intrecciato fra i suoi capelli, il nastro del bouquet, i gemelli dello sposo, i dettagli delle partecipazioni, i cartellini fra le piantine aromatiche scelte come bomboniere...tutto in questa tonalità meravigliosa che ricorda tanto gli occhi limpidi di Marta. Un tocco brioso di acqua e di cielo.

 

Cerimonia: Basilica dei Santi Pietro e Paolo, Agliate (Carate Brianza)/ Ricevimento: Cascina Giovanni 

 

  • Facebook - Grey Circle
  • Pinterest - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Scelti e pubblicati da

 

 

 

Francesco e Fabia Ghisi Fotografi © 2015 - 2019  Dandelion Studio /  Fine Art Photography & Film / P.I. 03151510124 / The hearth that loves is always young.

Garanzie